Alla scoperta di Doha, sede della finale della Supercoppa italiana 2016

Ecco i 5 posti più belli da vedere a Doha (Qatar) sede della finale di Supercoppa italiana che si giocherà il 23 dicembre 2016 tra Juventus e Milan

0
375 views
views
Foto: Dohabus.com

Da brava amante dello sport e del calcio, ho ho voluto scrivere qualcosa sulla sede della prossima finale di Supercoppa italiana tra Juventus e Milan. Sulla scia di quanto fatto per il ritiro della Nazionale a Montpellier in occasione di Euro2016, ho preparato un post con i posti più caratteristici di Doha, Qatar.

Secondo quanto riporta Wikipedia “Doha è la capitale e la città più popolata dello stato del Qatar. Si trova sul Golfo Persico e aveva nel 2015 una popolazione di 956.460 abitanti. Doha è la più grande città del Qatar, il 60% della popolazione dello Stato risiede infatti nella città o nell’area suburbana”. Una città fondamentalmente nuova, fondata solo nel 1825, sicuramente cosmopolita, che unisce in sé tradizione e innovazione.

Ebbene, se vi trovate a passare dal Qatar o se – fortunati voi! – andrete a vedere la partita, ecco le 5 cose che dovete assolutamente visitare a Doha.

1 – Museo di Arte Islamica

Il Museo d’Arte Islamica di Doha è ricco di fascino e storia e la sua posizione sul mare lo rende a dir poco fiabesco. La struttura è stata progettata dall’architetto cino-americano Ieoh Ming Pei, colui che ideò la nuova sede della Regione Lombardia sita a Milano e niente meno che la piramide del Louvre a Parigi. Il museo racchiude opere e collezioni importanti, reperti storici antichissimi dei paesi arabi, Spagna e India risalenti ad un periodo che va dal VII al XIX secolo. La struttura, insieme ad altre, rende Doha polo regionale e internazionale per la cultura e l’istruzione: rilevanza storica e fascino rendono sicuramente questo museo la prima tappa.

2 – Souq Waqif

Foto: Tripandtravelblog.com

Il mercato iraniano Souq Waqif è una tappa obbligata. Il souq è noto per la vendita di indumenti tradizionali, spezie, manufatture artigianali caratteristiche e souvenir ma è anche sede di decine di ristoranti e sale Shisha, dove ci si può rilassare godendosi i Narghilè. Questo mercato esiste da più di cento anni ma è stato ristrutturato nel 2006 per permettergli di conservare intatto il suo stile architettonico tradizionale. Oltre a perdervi tra spezie e sete preziose, la caratteristica che contraddistingue questo mercato sta nelle particolari bancarelle di uccelli: in Qatar perdura infatti la falconeria ed è molto facile reperire falchi pellegrini. Meta altamente suggestiva.

3 – La Corniche

Foto: Dohalife.com

Il lungomare della Corniche si estende sul Golfo Persico per 27 chilometri e costeggia la baia di Doha parallelamente a Corniche Street, la via principale che collega il quartiere affaristico di West Bay con il sud della città e con l’aeroporto internazionale di Doha. Il litorale così fatto è stato realizzato tra la fine degli anni ’70 e l’inizio degli anni ’80 a seguito dei lavori di dragaggio che hanno rimodellato la costa. Parecchi punti caratteristici di Doha si trovano lungo la Corniche, che inizia dal viale alberato del Museo di Arte Islamica e termina presso lo Sheraton Park nei pressi del particolare Sheraton Hotel a forma di piramide.

4- Katara Cultural Village

Foto: Wikipedia

Il Katara Cultural Village rientra sicuramente tra le tappe obbligate da fare a Doha. Si trova sulla costa orientale tra West Bay e la Perla e si chiama così perché richiama il vecchio nome del Qatar, ‘Katara’, usato fino al diciottesimo secolo. Katara è la sede di parecchie organizzazioni, accoglie grandi uffici e la QM Gallery, famosa sede per i progetti artistici cittadini ed è in corso di progettazione una strada rialzata, la Doha Bay Crossing, che collegherà la location con l’aeroporto. Gli edifici e le strutture del Katara Cultural Village sono state volutamente disposte in modo da riflettere il patrimonio culturale e architettonico del paese e ne fanno una tappa tra le più suggestive.

5 – Losail International Circuit

 Il Losail International Circuit è un must per gli appassionai di sporte soprattutto di motori. Il circuito, realizzato in appena un anno, è costato ben 58 milioni di dollari ed è stato inaugurato nel 2004  con il Marlboro Grand Prix of Qatar di Moto GP, vinto da Sete Gibernau, ma vi si sono disputate anche gare di Superbike. Suggestiva è l’atmosfera che questo circuito regala di notte: l’impianto d’illuminazione è stato studiato appositamente per le gare serali e l’effetto è a dir poco straordinario. Il calendario degli eventi è sempre pienissimo ed è anche possibile prenotare il circuito, aperto 24/7 proprio grazie all’impianto d’illuminazione di cui vi ho parlato in precedenza. Un must.

6 – Stadio ‘Al Sadd – Jassim Bin Hamad’

Foto: Sky.it

Infine il cammeo di questo post è sicuramente lo stadio ‘Al Sadd – Jassim Bin Hamad’, dove Juventus e Milan si giocheranno la Supercoppa italiana 2016 . Lo stadio, come riporta Wikipedia, è usato esclusivamente per le partite di calcio e può ospitare fino a 12 946 posti a sedere con tutti i settori completamente coperti. È stato inaugurato ufficialmente nel 1975 ma è stato ristrutturato nel 2004 per poter ospitate le partite della Coppa delle Nazioni del Golfo. Nel 2011 ha anche ospitato alcune partite della Coppa d’Asia nell’edizione tenutasi in Qatar.

Probabilmente ci sarebbero altre decine di posti da visitare, come i parchi e le spiagge, questo perché Doha vanta temperature estive tutto l’anno e questo permette di goderne appieno, ogni giorno. Inoltre una capatina al City Center è d’obbligo se volete fare shopping ed essere circondati da straordinari centri commerciali multi-level.

Spero che questo post vi possa essere utile.
Non mi resta che augurarvi buon viaggio!

LEAVE A REPLY